Storia

Le origini del Wing Chun

La leggenda narra che alla distruzione del tempio di Shaolin sopravvissero solo 5 monaci anziani, di cui una donna: Ng Mui. Ng Mui insegnò la sua arte ad una giovane di nome Wing Chun, perché potesse difendersi da un pretendente piuttosto importuno. Wing Chun trasmise il sistema al suo futuro marito che lo chiamò Wing Chun in onore della moglie. In seguito il sistema è stato tramandato di maestro in discepolo fino a giungere al gran Maestro Yip Man discepolo di Chan Wah Shun. Il Gran Maestro Yip Man morì il 2 Dicembre 1972. Sicuramente il più famoso degli studenti del Gran Maestro Yip Man è lo scomparso Bruce Lee. A lui si deve molta della notorietà del Wing Chun e non solo…..Bruce Lee fu introdotto allo studio del Wing Chun da un allievo anziano di Yip Man: William Cheung. In Italia gli insegnamenti del Grand Master William Cheung erano diffusi dal Si Fu Gianluca Boccato (allievo anche del Grand Master Stephen Lam). 

Successivamente il Master Gianluca Boccato insegna il suo sistema al Si Fu Luca Campiglio. Successivamente Master Luca Campiglio diviene allievo diretto del Grand Master William Cheung entrando in famiglia come da riconoscimento sottostante. GM William Cheung fa mettere anche il nome del Master Luca Campiglio nella targa che si trova all’interno del Tempio di Shaolin in Cina.